Scoprite bellezze naturali nascoste

Valle

  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle
  • Valle

Castello Bembo
originariamente appartenuto alla famiglia dei Soardo, nel 1618 passò in proprietà alla famiglia Bembo, grazie al matrimonio di Veronica Soardo con Alvise Bembo. Durante i lavori di ristrutturazione nei suoi sotterranei sono stati ritrovati oggetti dell'età del bronzo. Il palazzo fu costruito utilizzando la cinta muraria della cittadina e due sue torri. Sopra la porta fanno bella mostra di sé il leone di San Marco del 1445, lo stemma della famiglia Bembo e una meridiana. La facciata di stile gotico-rinascimentale, con un balcone centrale a forma rettangolare, è ben conservata. La Loggia, il Fondaco cittadino (antico magazzino di granaglie) e Palazzo pretorio, risalenti al Medioevo, sono le perle del patrimonio locale che vanno visitate e ammirate.

Chiesa parrocchiale dedicata alla Visitazione di Maria a S. Elisabetta.
La chiesa parrocchiale della Visitazione di Maria a S. Elisabetta è un’imponente struttura in pietra calcarea bianca, costruita sui resti di una basilica del IX sec. Nel Rinascimento venne ampliata e nel 1588 trasformata in chiesa a tre navate, ma fu completamente distrutta nel 1871, quando iniziò la costruzione di una nuova chiesa. Conserva nel suo interno preziosi arredi: un sarcofago in pietra dell’VIII secolo, un crocifisso ligneo del XIII secolo, un polittico in rilievo del XV secolo e la statua lignea della Madonna di Mon Perin (nome del colle sul quale sorge l'abitato di Valle), risalente al XV secolo, pregiati dipinti del XVII e XVIII secolo, paramenti liturgici e altri oggetti sacri dal periodo compreso tra il XV e il XIX secolo. Sono in molti a credere che la statua della Madonna di Mon Perin abbia poteri miracolosi. Accanto alla chiesa c’è il campanile, alto 36 metri e ristrutturato nel 1856.

Il lapidario- la cripta
Durante la costruzione dell'attuale chiesa parrocchiale, eretta sui resti di chiese più antiche, sono stati ritrovati molti reperti, i quali sono oggi gelosamente custoditi nella cripta della chiesa adibita a lapidario. Tra i reperti si annoverano alcune statue in pietra, elementi decorativi in pietra e lapidi sepolcrali risalenti a varie epoche: dal periodo romano classico fino al tardo Medioevo. Nella cripta c’è anche il sarcofago in pietra del 1595 il quale custodisce i resti di San Giuliano, santo protettore di Valle.

Palazzetto dello sport "Valle
Il Palazzetto dello sport "Valle", costruito su progetto dello Studio architettonico 3LHD di Zagabria, è un esempio di architettura contemporanea ben integrata nell’ambiente tradizionale vallese. Il motivo del muro di pietra è stato reinterpretato con una nuova tecnologia di sistemazione degli elementi della facciata. È il maggiore impianto della località, e oltre alla sua funzione primaria di palestra scolastica, il Palazzetto dello sport “Valle” è diventato un’importante struttura pubblica del luogo, la quale ospita vari eventi culturali e d’intrattenimento, offrendo agli abitanti e ai loro ospiti pure ampi spazi di relax, come la sauna e il centro benessere. Accanto agli altri monumenti storici e culturali, anche il Palazzetto costituisce una delle ragioni per cui gli ospiti visitano la nostra cittadina. Al primo Festival mondiale di Architettura di Barcellona del 2008, il Palazzetto  "Valle" si è meritato il primo premio nella categoria Strutture sportive, lasciandosi alle spalle gli altri concorrenti tra i quali l’Arena londinese di Wembley, la piscina olimpionica Watercube e il Tennis Centre di Pechino.

Mostra Paleontologica
I Rebbachisauridae e Titanosauriformes, sauropodi, o popolarmente dinosauri, vivevano sulla terra 200 milioni di anni fa. Nella parte espositiva del Centro Multimediale "Olive" presso il Museo dei dinosauri, si possono osservare le ossa di questi enormi animali che hanno tra i 100 e 200 milioni di anni. Sono stati ritrovati sul fondale marino della baia di Colone nel 1992, e inviati al Museo di Paleontologia di Monfalcone per gli interventi di pulizia e sistemazione.  Dai dati di cui disponiamo risulta che il nostro sia l'unico sito in cui i resti di dinosauri si sono conservati grazie al processo  di pietrificazione in mare, circostanza questa che ha fatto guadagnare a Valle un posto nell'elenco dei siti paleontologici di fama internazionale. Fermatevi un attimo e toccate le impronte di dinosauri, ammirate i resti di queste enormi creature che un tempo dominavano il nostro pianeta.

Mostra Ornitologica
Per diversi decenni il signor Pietro Sassaro ha osservato, studiato, registrato e scoperto numerose specie autoctone di uccelli del territorio di Valle, di Rovigno, di Palù e delle aree circostanti, per poi  classificarle e imbalsamarne molte. Grazie alla sua passione, è nata una ricca collezione ornitologica unica nel suo genere, ora esposta al Centro Multimediale "Olive".  Il signor Sassaro ha donato la sua collezione ornitologica alla locale Associazione venatoria, che l’ha sempre custodita con cura.
La Collezione ornitologica di Valle, di alto valore, è una tra le più ricche dell'area, e abbiamo cercato di nobilitarla ulteriormente con una descrizione di ogni singolo esemplare e con la riproduzione sonora del loro canto. Venite a vedere la mostra nella nostra galleria e ascoltate da vicino il canto degli uccelli.

Chiesa del Santo Spirito
Nel cuore del borgo di Valle, non distante dalla chiesa parrocchiale, c’è la chiesetta di Santo Spirito. Fu costruita nel XV secolo utilizzando esclusivamente blocchi di pietra  regolari. Il suo interno è stato affrescato dal maestro Alberto di Costanza. Oltre alle caratteristiche scene sulla vita di Cristo (pareti laterali), si notano anche le immagini della SS. Trinità (sul muro dell'altare), degli Angeli e dell'Inferno (sul portale d'entrata).

Chiesa S. Antonio Abate
La chiesa di S. Antonio Abate risale al XV secolo. Gli interventi di restauro del XIX secolo hanno fatto perdere alla chiesa le sue precedenti caratteristiche tardo-gotiche. La struttura sacra ubicata nel  cimitero di Valle, conserva un altare ligneo intagliato risalente al XVI secolo. Sulla parete settentrionale si possono notare alcuni graffiti glagolitici risalenti al XV e al XVI secolo. Sull'altare centrale, costruito in legno e pietra, c’è la statua di S. Antonio Abate o S. Antonio Eremita, padre dell'omonimo ordine e protettore degli allevatori di bestiame. La pianta della chiesa è a forma di croce latina e la facciata è di pietra.

Chiesa S. Elia o dell'Immacolata Concezione
Alla periferia occidentale di Valle, ai bordi del centro abitato, c’è la chiesetta preromanica nota anche con il nome di Concetta. Attaccato alla chiesa costruita nell’XI secolo, si erge il campanile alto 12 metri. La chiesetta dalla pianta rettangolare è tutta in pietra bianca ed è stata ristrutturata nel XIX secolo.

“A great many people, and more all the time, live their entire lives without ever once sleeping out under the stars.”
― Alan S. Kesselheim

Campeggi